background
preloader

Cucina Giapponese e Thai

A Verona vivi una fusione di sapori e tradizioni gastronomiche

Il menù di Sushi Tao offre una fusione di gusti tra la cucina giapponese, quella coreana e quella thailandese.
Ecco alcuni degli elementi caratteristici della nostra cucina:

Il Riso e la pasta giapponese
Il riso è la base di molti piatti tradizionali giapponesi: cereale tra i più diffusi al mondo, è utilizzato in ogni sua parte:
dal riso si distilla il sake, la bevanda nazionale giapponese, le foglie vengono utilizzate per realizzare di oggetti di uso quotidiano, le spighe vengono invece utilizzate per comporre i tatami e per costruire i tetti delle case tradizionali, e anche gli scarti non vanno persi: vanno infatti ad essere utilizzati per produrre la carta.

Oltre al riso, la cucina giapponese prevede anche la pasta, distinta in due tipi: quella con grano saraceno (soba), più scura, e quella di frumento (udon e somen), più chiara.
La pasta è alla base della dieta quotidiana in Giappone, e viene normalmente consumata in cestelli di bambù accompagnati da piatti rettangolari per i condimenti nei quali la pasta dovrà essere immersa.

La Carne
La carne è entrata solo di recente nella cucina giapponese: nel passato, fino a metà '800, infatti il buddismo, religione praticata in Giappone, vietava il consumo di carne di esseri a quattro zampe, solo animali da caccia come il cinghiale potevano essere mangiati.
La carne solitamente viene servita già tagliata a pezzi, in modo da permetterne una facile presa con le bacchette.

Le Verdure
Le verdure sono alla base sia della cucina giapponese che di quella thai. Gli orientali consumano tuberi e vegetali in foglia di produzione locale, come il daikon (una rapa bianca), il cavolo cinese hakusai, il satoimo (una patata), le radici di gobo e di loto, i germogli di bambù e di soia.
Spesso le verdure seguono una lunga lavorazione e cottura, e nella composizione dei piatti si privilegia l'accostamento cromatico rispetto a quello di gusto.

Il The
Introdotto in Giappone dalla Cina nel 900 d.C. da un monaco buddista, il the giapponese è molto diverso da quello europeo: si tratta infatti principalmente di the verde, servito senza aggiungere zucchero, limone o latte.
Il the è il simbolo dell'ospitalità giapponese, viene offerto come in Italia il caffè in qualasi occasione.

Il Wasabi
Il wasabi è un ravanello dal cui fusto viene estratta una pasta di colore verde molto piccante, solitamente utilizzata in accompagnamento a sushi e sashimi, pura o disciolta dentro una salsa di soia.

La Soia
La soia è molto utilizzata nella cucina giapponese, ad esempio quale base nella zuppa di miso, miscela di semi di soia fermentati con acqua, sale e riso, oppure abbinata ai fagioli nel "natto", o estratta in salsa di soia, condimento base solitamente servito a tavola in apposite ciotole. La salsa di soia conferisce ai piatti un sapore simile a quello della carne, ed è alla base anche di molte altre salse utilizzate nella cucina giapponese, quale la salsa teriyaki, utilizzata su verdure e carne alla brace, e la salsa kabayaki, utilizzata con il pesce.

La cucina thai
La cucina thai è basata sull'utilizzo di spezie e sapori piccanti. La mescolanza tra gusti dolci, salati, amari, piccanti e acidi è la base di molti piatti thailandesi.
Tradizionalmente viene ordinato un piatto unico per tutti i presenti, che viene poi diviso direttamente a tavola: secondo la tradizione thai mangiare da solo infatti porta sfortuna.
Così come per i giapponesi, anche per i thailandesi l'apparenza e la presentazione del piatto ha una fondamentale importanza, talvolta superiore al gusto del piatto stesso.

Facebook Tripadvisor